Crema, bilancio comunale: meno tasse, più investimenti

Per la prima volta dal 2008 gli enti locali non subiranno tagli. Questo è uno degli aspetti più importanti della Legge di Stabilità approvata dal Governo Renzi. Ma non solo. I comuni potranno utilizzare eventuali avanzi di amministrazione e godere dei vantaggi con lo sblocco del patto di stabilità. Grazie a queste possibilità, l’amministrazione comunale di Crema, che proprio in questi giorni sta discutendo in consiglio comunale il Bilancio 2016, ha fatto alcune scelte molto concrete. Innanzitutto l’avanzo di amministrazione, pari a 1,7 milioni di euro, da destinare ai lavori e alle opere pubbliche. “Finalmente dopo anni di difficoltà, quest’anno possiamo respirare – commenta il sindaco Stefania Bonaldi – ed aprire un po’ di cantieri in città per dedicarci non solo a lavori di manutenzione, ma anche a nuove opere.”

Per il comune di Crema l’abolizione del patto di stabilità comporta un recupero di 861mila euro, mentre oltre all’abolizione della Tasi, sono previste anche agevolazioni per l’Imu per i terreni agricoli; imbullonati; comodato; canone concordato. Dal canto suo l’amministrazione comunale ha fatto alcune scelte molto concrete, partendo dall’estensione dell’esenzione dell’IRPEF (addizionale comunale) da 15mila a 18mila euro; l’azzeramento dell’IMU sugli immobili classificati nella categoria D3, teatri, cinematografi,sale per concerti e spettacoli e simili, destinati anche di fatto a tali attività e regolarmente funzionanti nel 2016 per un periodo di tre anni;sono previste agevolazioni per nuove attività produttive con una riduzione dell’IMU sugli immobili e la riduzione della Tari del 30%. Tutto questo tenendo invariate le tariffe e proseguendo nel mantenimento dei servizi e potenziamento di interventi di manutenzione ordinaria.

“Un bilancio che vuole abbassare le tasse – conclude  il sindaco Stefania Bonaldi –  andare incontro alle imprese e ai nuovi insediamenti, proseguire nel mantenimento dei servizi e della loro qualità, e il potenziamento di interventi di manutenzione e di opere pubbliche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.