Archivi tag: circoli

Appello al voto: lettera di Vittore Soldo a iscritti e simpatizzanti PD della Provincia di Cremona

Vittore Soldo, segretario provinciale del Partito Democratico, ha inviato una lettera aperta a tutti gli iscritti e militanti della Federazione di Cremona, in vista dell’appuntamento con le elezioni europee e amministrative di domenica 26 maggio. Ecco il testo integrale della lettera:

Carissima, Carissimo,

il 26 maggio ci aspetta un appuntamento molto importante, il più importante di questi anni difficili da capire e da interpretare: saremo chiamati a scegliere per molte amministrazioni locali ma passaggio ancora più importante, saremo chiamati a dire che Europa vogliamo. Sulla scheda elettorale che ci verrà consegnata il 26 maggio al seggio elettorale, per l’elezione del nuovo parlamento europeo, avremo sotto gli occhi due modelli alternativi e opposti di futuro e di Europa: un futuro di inclusione, modernità, sviluppo e democrazia ben rappresentato dai giovani che negli anni scorsi tramite l’Erasmus, hanno contribuito a costruire una generazione di giovani europei e non solo, italiani, francesi o tedeschi.

Questo è il modello proposto dai partiti Socialdemocratici, tra i quali il Partito Democratico. E poi troveremo sulla scheda elettorale il modello proposto da Orban, Salvini e da Marie Le Pen. Il modello proposto dai partiti sovranisti: un modello fatto di muri e fili spinati. Un modello di chiusura fatto di dazi, burocrazia e limiti al passaggio di merci e conoscenza. Un salto indietro di 50 anni. Il Movimento 5 stelle in questa partita importantissima, così come su molte altre importanti questioni, non hanno nessuna posizione ufficiale chiara su come intendono l’Europa: non pervenuti. Hanno qualche idea confusa sulla moneta unica e poco altro, troppo poco per un partito di governo. Il 26 maggio sarà quindi una data storica e importante per far valere lo spirito europeista di chi vuole continuare ad immaginare un continente, libero da guerre, moderno e fatto di uomini e donne liberi, emancipati e profondamente democratici. Un continente dove prima vengono le libertà dei cittadini e solo poi vengono considerate le esigenze della finanza e dell’economia di mercato. Un’Europa dove i cittadini sono parte fondamentale per rigenerare periodicamente le forme di democrazia e non sono solo numeri da cui carpire dati sui quali impostare modelli economici e scelte di marketing. Un’Europa dei popoli e non delle grandi aziende del Web. Un’Europa dello sviluppo e della crescita che però stia attenta a non lasciare indietro nessuno. Un’Europa che difende i propri cittadini dall’aggressività dalle grandi aziende e dalle lobby che arrivano da lontano e che vorrebbero un’Europa più fragile in cui fare affari ed in cui non avere regole.

Il 26 maggio andremo a votare per il futuro dei nostri figli e delle prossime generazioni e prima di farlo sarà importante pensare a quale modello immaginiamo per riuscire a mantenere e migliorare il contesto in cui viviamo: non possiamo pensare che la soluzione ai danni nefasti del liberismo dello scorso decennio, peraltro voluto da movimenti di una destra che si diceva moderata e che si sta sbriciolando, sia adesso rappresentata da muri e frontiere fatte di fili spinati e da guardie armate. Invece dei muri abbiamo bisogno degli Stati uniti d’Europa e dobbiamo impegnarci perché i nostri ragazzi crescano con una cultura europeista che venga insegnata nelle scuole e prima ancora che arrivi dalle cellule fondamentali della nostra società: dalle famiglie. Per fare questo la decisione che ci verrà posta non sarà difficile: in Italia l’unica alternativa ad un modello di chiusura e nuove povertà è il Partito Democratico e la lista che ha dimostrato di aver saputo proporre che va da Tsipras a Macron e che tiene insieme un modello solo e coerente di Europa: l’Europa del Futuro a cui come europei, rispetto ai tanti sacrifici e al rigore, adesso ci meritiamo. Per un’Europa del futuro libera e giusta bisogna, però, informarsi e partecipare ed è molto importante che il voto sia consapevole: per le europee si avranno la possibilità di esprimere 3 preferenze. Tre nomi, tra i 20 candidati nelle liste del Partito Democratico, da esprimere e scrivere sulla scheda, stando attenti a rispettare l’alternanza di genere.

Colgo l’occasione per mandarvi un abbraccio e augurarvi e augurarci che il futuro sia meno cupo e incerto di quanto questo governo e le forze sovraniste ad esso alleate, l’hanno reso. Buon voto e viva un’Europa unita, libera, moderna e democratica.

Vittore Soldo – Segretario provinciale PD

Mobilitazione PD: sabato 19 gennaio volantinaggio al mercato di Crema contro la manovra economica

La prima manovra di bilancio del governo giallo-verde è stata approvata dal Parlamento. Si tratta di una legge che premia condoni e illegalità e penalizza i più deboli e quelli che rispettano la legge. Per questo motivo il Partito Democratico ha deciso di mobilitarsi, a livello nazionale, con una serie di iniziative e presidi per spiegare la pericolosità delle misure approvate e avanzare alcune proposte migliorative. Il circolo cittadino di Crema sarà al mercato di via Verdi per un volantinaggio nella mattinata di sabato 19 gennaio (dalle ore 10 alle 11,30).

Ecco il volantino che verrà distribuito al mercato:



I risultati dei congressi locali nel territorio cremasco: per la segreteria regionale vince nettamente Vinicio Peluffo. Vittore Soldo nuovo segretario provinciale

Sono stati 373 i votanti che hanno partecipato alle 14 assemblee di circolo organizzate nel territorio cremasco domenica 18 novembre per il congresso locale del Partito Democratico. In palio l’elezione del segretario regionale e provinciale, oltre al rinnovo di coordinatori e direttivi di ogni circolo. Per quanto riguarda il congresso regionale ha vinto ampiamente Vinicio Peluffo, che con 313 preferenze totali ha superato l’85% dei voti validi. Un plebiscito che ha coinvolto anche il candidato unitario alla segreteria provinciale Vittore Soldo, che nel Cremasco ha raccolto il 95,8% dei consensi.

Omar Bragonzi, coordinatore circondariale del PD Cremasco, ha così commentato l’esito dei congressi sul territorio: “Buona affluenza, quella odierna, alla fase congressuale territoriale che ha visto coinvolti tutti i circoli del Cremasco. Una dimostrazione della vivacità che ancora affiora nel nostro Partito, anche in un momento politicamente difficile come quello che in cui stiamo vivendo. L’esito della giornata, oltre alla discussione in ciascun circolo sulla fase politica attuale a livello nazionale, ci porta in dote un nuovo segretario provinciale (Vittore Soldo) ed una schiacciante affermazione di Vinicio Peluffo a segretario regionale lombardo. Sono sicuro che Vittore, che è anche un caro amico, saprà essere all’altezza del ruolo data l’intelligenza dimostrata negli anni di impegno politico, ma soprattutto per la sua capacità di unire e fare squadra. Certo non sarà semplice sostituire Matteo Piloni ma il Cremasco saprà sicuramente aiutare il segretario eletto in questa nuova esperienza. Per quanto riguarda Vinicio Peluffo, la schiacciante vittoria nel nostro territorio deve essere considerata come il miglior augurio di buon lavoro, certi che sappia interpretare al meglio i reali bisogni del Sud Lombardia, spesso poco tenuto in considerazione a livello centrale nella nostra Regione”.

Ecco i risultati del voto:

   VOTO Regionale    VOTO Provinciale
Assemblee di Circolo Votanti PELUFFO % COMINCINI % Validi B/N SOLDO % B/N Totali
BAGNOLO CREMASCO 24 24 100,0% 0 0,0% 24 0   22 100,0% 0 22
CAPRALBA 21 19 95,0% 1 5,0% 20 1   20 95,2% 1 21
CREMA CITTA’ 62 52 88,1% 7 11,9% 59 3   54 96,4% 2 56
MONTODINE 17 12 70,6% 5 29,4% 17 0   16 100,0% 0 16
OFFANENGO 14 11 78,6% 3 21,4% 14 0   14 100,0% 0 14
PANDINO 19 17 89,5% 2 10,5% 19 0   18 94,7% 1 19
PIANENGO 52 40 76,9% 12 23,1% 52 0   25 96,2% 1 26
RIVOLTA D’ADDA 32 20 62,5% 12 37,5% 32 0   27 90,0% 3 30
ROMANENGO 22 21 95,5% 1 4,5% 22 0   21 100,0% 0 21
SERGNANO 19 13 72,2% 5 27,8% 18 1   18 94,7% 1 19
SONCINO 28 22 88,0% 3 12,0% 25 3   25 89,3% 3 28
SPINO D’ADDA 22 22 100,0% 0 0,0% 22 0   19 100,0% 0 19
VAIANO CREMASCO 23 22 95,7% 1 4,3% 23 0   21 91,3% 2 23
VAILATE 18 18 100,0% 0 0,0% 18 0   17 100,0% 0 17
                       
Totale 373 313 85,8% 52 14,2% 365 8   317 95,8% 14 331

Congresso PD: domenica 18 novembre 14 assemblee di circolo nel territorio cremasco

Domenica 18 novembre si terranno, in tutta la Lombardia, i congressi locali per eleggere il segretario regionale e provinciale e i coordinatori di ogni circolo territoriale. Nel territorio cremasco saranno 14 le assemblee di circolo, dove iscritti ed elettori saranno chiamati a discutere le linee programmatiche e votare i futuri organismi dirigenti.

Alla segreteria della Federazione PD di Cremona l’unica candidatura pervenuta è quella di Vittore Soldo, la sua figura ha raccolto infatti una designazione unitaria all’interno del partito provinciale. A livello lombardo, i candidati alla segreteria regionale sono invece due: Vinicio Peluffo ed Eugenio Comincini. Tutte le informazioni sul congresso regionale sono disponibili qui: Candidati PD Lombardia – Congresso 2018.

Ecco  i luoghi e gli orari in cui si terranno le assemblee di circolo nel territorio cremasco:

Assemblee di Circolo Data Ora Luogo
Bagnolo Cremasco, Chieve Domenica 18 Novembre 10,00 Sede PD Bagnolo – Via Canobio
Capralba, Casaletto Vaprio Domenica 18 Novembre 9,30 Sede PD Capralba – Via Roma
Crema Città Domenica 18 Novembre 9,30 Sede PD Crema – Via Bacchetta
Montodine, Capergnanica, Credera, Moscazzano; Ripalta Arpina, Ripalta Cremasca, Ripalta Guerina Domenica 18 Novembre 10,00 Comune di Montodine – Piazza XXV Aprile
Offanengo, Izano, Madignano Domenica 18 Novembre 10,00 Sede PD Offanengo – Via Cittadella
Pandino, Dovera, Palazzo Pignano Domenica 18 Novembre 9,30 Sede PD Pandino – Via Milano
Pianengo, Campagnola, Cremosano Domenica 18 Novembre 9,30 Sede PD Pianengo – Via Nenni
Rivolta d’Adda Domenica 18 Novembre 9,30 Sede PD Rivolta – Via Garibaldi
Romanengo, Casaletto di Sopra, Fiesco Domenica 18 Novembre 9,30 Casa del Volontariato – Via F.lli De Brazzi
Sergnano, Camisano, Casale Cremasco, Castel Gabbiano Domenica 18 Novembre 10,00 Sede PD Sergnano – Vicolo Giroletti
Soncino, Cumignano, Ticengo Domenica 18 Novembre 10,00 Ex Filanda – Via Cattaneo
Spino d’Adda Domenica 18 Novembre 10,00 Centro sociale – Via Pascoli
Vaiano Cremasco, Monte Cremasco Domenica 18 Novembre 10,00 Sede PD Vaiano – Via Medaglie d’Argento
Vailate, Agnadello, Ticengo, Trescore Cremasco Domenica 18 Novembre 10,00 Sede PD Vailate – Via Zambelli

Al via i congressi locali del Partito Democratico

Nella serata di lunedì 15 ottobre 2018 si è tenuta a Cremona l’assemblea provinciale del Partito Democratico che ha avviato ufficialmente la fase congressuale a livello locale. In Lombardia, infatti, sono stati indetti i congressi regionale, provinciali e di circolo per la data unica del 18 novembre, in attesa della convocazione ufficiale delle primarie per il segretario nazionale, che dovrebbero comunque tenersi nei primi mesi del 2019. In ogni circolo della Provincia di Cremona si voterà quindi domenica 18 novembre 2018 per eleggere i coordinatori di circolo e i segretari provinciale e regionale. Ai congressi locali potranno partecipare solo gli iscritti al PD (a differenza con le primarie nazionali, aperte anche ad elettori e simpatizzanti): per poter partecipare ai congressi sarà possibile rinnovare la tessera o iscriversi al Partito entro il 9 novembre.

Nella sua ultima relazione da segretario provinciale Matteo Piloni (eletto consigliere regionale e quindi, da regolamento interno, divenuto incompatibile con la carica di coordinatore del partito cremonese) si è soffermato sul tracciare un bilancio della propria esperienza: “Un’esperienza importante che mi ha permesso di conoscere a fondo la nostra provincia, più in lungo che in largo – ha dichiarato Piloni – e grazie alla quale ora posso svolgere il ruolo di consigliere nell’interesse dell’intera provincia. Inutile nascondere che sono stati anni lunghi e affatto semplici. Nel 2013 avevamo perso sia il Comune di Cremona che la Provincia, oltre che molti altri Comuni del territorio. Con le elezioni del 2014 siamo riusciti ad invertire la rotta e in questi anni abbiamo affrontato e contributo a gestire molte partite importanti, come il percorso di aggregazione tra Lgh e A2A e la costituzione di un’unica società pubblica dell’acqua. Abbiamo lavorato sulla formazione politica, sul radicamento e sull’aprire il partito a nuove figure, e a riallacciare relazioni con il mondo sociale, economico e produttivo della nostra provincia, oltre a sistemare anche la situazione economica della federazione. Un resoconto positivo, dunque, e che oggi si trova di fronte ad uno scenario politico nazionale ed europeo inedito e complicato, per il quale dobbiamo  rilanciare una nuova azione politica. Le europee saranno un passaggio molto importante, per certi versi strategico. Gli scenari sono due: o l’avanzata delle idee e delle forze sovraniste, o il rilancio dell’idea di un’Europa aperta, solidale e forte. Di questo dovremmo discutere e per questo il congresso è un’opportunità che necessità di stimoli nuovi e nuova energia”.

Il segretario uscente ha anche auspicato che il congresso possa servire non solo a rinnovare il gruppo dirigente ad ogni livello ma anche come occasione per coinvolgere i circoli, e quindi gli iscritti e le iscritte, in un duplice lavoro di confronto e di valutazione per il rilancio del Partito dopo la sconfitta elettorale dello scorso 4 marzo. Un congresso vero, nel quale possano confrontarsi, con franchezza e passione, idee e proposte in vista degli importantissimi appuntamenti della prossima primavera con le elezioni europee e comunali e che sia l’avvio di una fase nuova e di una nuova classe dirigente.

L’assemblea ha infine votato la Commissione Congressuale, che avrà il compito di garantire e organizzare il percorso del Congresso sul territorio provinciale. Ecco i componenti della commissione (in ordine alfabetico):

– Giroletti Mauro

– Ottoboni Giorgio

– Pasquali Simona (Presidente)

– Rebessi Claudio

– Sogni Orestilia

Ecco il testo del regolamento congressuale provinciale approvato dall’assemblea all’unanimità: Regolamento congressuale PD Cremona