Archivi tag: comune di crema

Giunta comunale di Crema: al posto di Piloni e Saltini entrano Fontana e Gramignoli

La giunta comunale di Crema, nei prossimi giorni, sarà oggetto di una necessaria riconfigurazione a causa delle partenze di due suoi componenti. Infatti, con l’elezione di Matteo Piloni al Consiglio regionale e le dimissioni di Morena Saltini per motivi di lavoro, si sono resi indispensabili una ridefinizione degli assessorati. Subentreranno quindi nel governo cittadino l’ex deputata PD Cinzia Fontana (con deleghe a bilancio e urbanistica) e il consigliere comunale Matteo Gramignoli, che ricoprirà il ruolo di assessore al commerico e all’ambiente.

Il sindaco di Crema Stefania Bonaldi ha presentato ufficialmente la nuova squadra: “Dalla giunta usciranno, quindi un neo consigliere regionale e una professionista: due persone a cui dobbiamo molto, tutti quanti, soprattutto la sottoscritta che grazie a loro può dire di avere sacrificato meno sonno di quanto richiede la carica. Entreranno una donna di grande esperienza politica e amministrativa, che nobiliterà il secondo mandato di questa giunta, e un giovane imprenditore, capace di relazioni umane solide e attento alle piccole cose, proveniente dalla società civile. Nel cambio riusciamo nell’impresa di non perdere neppure un grammo di qualità. Cinzia Fontana e Matteo Gramignoli sono un antidoto all’improvvisazione e al velleitarismo, che sembrano colonizzare ogni giorno di più un certo modo di fare politica. Da lunedì, senza fretta ma senza sosta, inizierà il passaggio ufficiale di consegne”.

Regione Lombardia: bocciato emendamento per l’ex tribunale di Crema. Jacopo Bassi (PD): : “Maroni non mantiene le sue promesse elettorali”

La bocciatura dell’emendamento del Partito Democratico, presentato dal consigliere regionale Agostino Alloni, al bilancio di Regione Lombardia per chiedere un finanziamento pari a 4 milioni di euro a favore della trasformazione dell’ex tribunale di Crema in presidio socio-sanitario, lascia sul tavolo molte perplessità e domande inevase.

Jacopo Bassi, segretario cittadino del PD di Crema e capogruppo democratico in consiglio comunale, ha così commentato la vicenda: “Per primo ci si chiede dove sia lasciata cadere la promessa fatta in pompa magna da Maroni in occasione della campagna elettorale di Crema, in cui il presidente lombardo si era impegnato a fare tutto il possibile al fine di recuperare l’ex tribunale. Una promessa che, spiace constatare, aveva un interesse esclusivamente elettorale, una sparata per sostenere il candidato, poi perdente, della destra. Dopo la sconfitta del candidato amico, Maroni si rimangia le parole, facendo intendere di aver parlato per interesse di partito e non dei cremaschi.  Un vero peccato, perchè la riqualificazione di quell’area è un tema sentito non solo da Crema, ma anche dai sindaci del Cremasco, oltre che dall’Asst. La Lega, ancora una volta, si dimostra federalista a parole ma disinteressata alla voce dei territori nei fatti, salvo quando c’è da sostenere campagne elettorali”.

Crema “Far West”? Dalla destra solo propaganda: i dati ci dicono che i reati in città sono in calo

Da “Crema città morta” a “Crema Far West” il passo è breve, almeno secondo alcune forze della destra cremasca. Dopo aver denunciato, nella scorsa campagna elettorale, la scarsa vitalità cittadina nelle ore notturne, ora il problema, per Lega e Polo Civico, sembra essersi spostato verso l’allarme per una città in mano al degrado e alla delinquenza, tanto da presentare una mozione che invoca “azioni straordinarie per la sicurezza”.

Sottolinea il capogruppo PD in consiglio comunale Jacopo Basssi: “Il tratto comune tra le due accuse è quello di deformare l’immagine e l’identità di una città a fini di polemica politica. Crema è una città bella, dove si vive bene, e dipingerla in balia dell’incuria e dell’insicurezza per il solo scopo di far polemica pare più un’offesa alla città e alla realtà dei fatti, che un’accusa mossa verso l’amministrazione.

Sul tema sicurezza, in particolare, giova ricordare i dati diffusi dal commissariato di Crema, che riportano un calo costante, negli ultimi 3 anni, dei reati in città. È da questi dati oggettivi che l’azione amministrativa deve partire per dare risposta alla legittima richiesta dei cittadini di percepire un maggior senso di sicurezza .Il modo proposto dalla destra cremasca, e cioè quello di alimentare il senso di insicurezza richiamandosi ad una situazione emergenziale, non sembra affatto congruo con questo intento, ed anzi contribuisce a sovrastimare una situazione di insicurezze che i numeri, ricordiamo, negano categoricamente.

Ma, del resto – conclude Bassi – ogni forza politica costruisce il consenso come sa fare: la destra alimentando paura e rancore, il centrosinistra sforzandosi di riqualificare i luoghi dove si creano episodi di tensione, occupando tali spazi con interventi pubblici che li facciano sentire presidiati e quindi più sicuri, senza appellarsi all’intervento delle forze dell’ordine quando non necessario. Spiace constatare che anche forze civiche si rifanno al vecchio espediente di dire che in città le cose vanno male; noi, al contrario, siamo consapevoli che le cose possono migliorare ulteriormente, e ci sforziamo di farlo con un’azione positiva e fiduciosa delle risorse della città”.