Archivi tag: clima

Forestazione: un progetto di legge che guarda al futuro

Realizzare in Lombardia, entro il 2030, 10.000 ettari di nuovi boschi, sistemi verdi e forestazione urbana per contribuire all’abbattimento dell’inquinamento, contrastare i cambiamenti climatici, incentivare la biodiversità e migliorare la qualità della vita. E’ questo l’obiettivo del progetto di legge che il gruppo regionale del Partito Democratico ha depositato proprio alla vigilia della “Giornata Nazionale dell’Albero” che si celebra il 21 novembre.

Il consigliere regionale Matteo Piloni, primo firmatario del documento, spiega così il progetto di legge: “Un’idea che non nasce certo oggi, ma che è il frutto di un lungo lavoro di confronto e ascolto con esperti del settore. In Regione Lombardia se ne parla dal 2008, quando nel testo unico dell’agricoltura (l.r. 31/08) è stato previsto di realizzare 10 mila ettari di sistemi verdi, ma ad oggi ne sono stati realizzati solo un terzo. Con il nostro progetto di legge incentiviamo la realizzazione e la manutenzione dei sistemi verdi tramite il pagamento dei servizi ecosistemici forniti sul territorio, attraverso un fondo di 20 milioni di euro per un programma, almeno quinquennale, che sostenga interventi promossi dagli enti locali e dagli operatori del settore agricolo”.

10.000 ettari equivalgono a circa 15 milioni di alberi, ma in realtà significa incentivare tutti i sistemi verdi (siepi, filari, marcite ecc) per contribuire ad aumentare la biodiversità, la produzione agricola e dunque a migliorare la qualità dell’ambiente sia nelle aree urbane, sia nelle aree agricole. “La salvaguardia ambientale e la lotta al cambiamento climatico devono essere le priorità dei prossimi anni – conclude Piloni – e come PD ci impegneremo affinché questo progetto diventi legge, confidando nel sostegno di tutte le forze politiche, anche per stanziare le risorse necessarie già dal prossimo anno”.

Obiettivo carbone zero, Piloni (PD): “Uno studio per l’autosufficienza energetica”

Ora più che mai, soprattutto dopo la giornata di mobilitazione per l’ambiente del 15 marzo e alla luce delle preoccupazioni di molti agricoltori in merito agli allarmanti segnali atmosferici che stiamo vivendo dallo scorso novembre, sarebbe opportuno mettere in campo azioni mirate per disincentivare l’utilizzo delle fonti fossili inquinanti in agricoltura, avviando anche delle fasi sperimentali in territori specifici. “Obiettivo carbon zero. Un progetto per le Terre di Mezzo”: così si chiama lo studio realizzato nella precedente legislatura e ripreso dal consigliere regionale PD Matteo Piloni che lo ha sottoposto per la seconda volta, a un anno dal suo insediamento, all’attenzione dell’assessore all’ambiente di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo. Questo studio approfondisce, in particolare, lo sviluppo del territorio soresinese in Provincia di Cremona, con progetti particolari per ciascuno dei 22 comuni di quella zona.

“Lo studio, realizzato da professionisti esperti in materia di efficientamento energetico e di sviluppo territoriale sostenibile – spiega il consigliere Piloni – vuole dimostrare che, partendo dal nostro territorio, si può arrivare in futuro a non utilizzare le fonti fossili inquinanti e ottenere l’autosufficienza energetica, riducendo drasticamente l’inquinamento atmosferico. Mi auguro che questa volta l’assessore prenda in maggiore considerazione il mio invito e organizzi una presentazione dello studio, coinvolgendo i sindaci dei comuni interessati insieme ai portatori d’interesse – conclude il consigliere dem – con l’obiettivo di mettere in campo azioni concrete, partendo da un piccolo territorio e avviando così una fase sperimentale che potrebbe essere poi replicata in altri territori”.

Ecco il link al progetto studiato dal Partito Democratico: Obiettivo carbon zero

In difesa del futuro: martedì 6 giugno anche a Crema fiaccolata a sostegno dell’accordo sul clima di Parigi

In difesa del futuro, tutti insieme per sostenere l’accordo sul clima di Parigi. Ecco l’iniziativa organizzata dal Partito Democratico per martedì 6 giugno alle ore 22: cento fiaccolate in cento piazze italiane per coinvolgere più persone possibili, dai cittadini alle associazioni. Un appuntamento per ritrovarsi tutti insieme – in modo aperto ed inclusivo – per dire che noi difendiamo il futuro. E tra queste piazze ci sarà anche Crema, dove la fiaccolata inizierà alle ore 22 in piazza Duomo.

Dopo la decisione del Presidente di Donald Trump di ritirare gli Stati Uniti dall’accordo sul clima di Parigi, infatti, ognuno di noi deve fare di più. Quella di Trump è una svolta che potrebbe spingere altri Paesi a seguire la stessa strada, e non possiamo lasciare solo ai governi la responsabilità di mantenere quegli impegni solennemente presi nel 2015 da 195 nazioni per tagliare drasticamente il livello delle emissioni inquinanti L’accordo di Parigi non riguarda solamente la politica, non riguarda solamente noi, ma avrà delle conseguenze sul nostro futuro e su quello dei nostri figli.

“Il futuro ci riguarda, il futuro ci appartiene”, ha detto il segretario del PD Matteo Renzi. E ha preso un impegno: “In tutti i comuni presenteremo ordini del giorno e in Parlamento presenteremo mozioni sulla strategia energetica nazionale: consumi, trasporti, occupazione, filiera delle rinnovabili, trazione elettrica. Ma oltre ai documenti, importantissimi, vogliamo coinvolgere le persone. Cento semplici fiaccolate, senza comizi, senza show mediatici: solo per ribadire con forza che tutti noi crediamo al futuro. E lo difenderemo, costi quel che costi”.