Piano cave, Alloni (PD): “Nostro NO convinto all’escavazione nel pianalto della Melotta”

Voto convintamente contrario questa mattina, in VI Commissione Ambiente della regione lombardia, del Gruppo regionale del PD al nuovo Piano cave provinciale di Cremona, nonostante la proposta riduca complessivamente i quantitativi di cavato rispetto alla richiesta avanzata dall’allora presidente provinciale Salini.

Agostino Alloni, consigliere regionale PD, componente della Commissione, spiega le motivazioni: “Nello strumento persiste la cava di argilla Danesi, l’Ate A8, che è collocata dentro le aree della riserva naturale della Melotta, la quale presenta tutta una serie di vincoli di natura ambientale. Stiamo parlando di un territorio pregevolissimo, ovvero di un terrazzamento alluvionale vecchio di milioni di anni e unico in tutta l’Europa meridionale, dentro il quale noi giudichiamo incompatibile persistere nell’escavazione. Inoltre, vale la pena ricordare che per poter ottenere questo risultato si è dovuto variare il Piano territoriale della Provincia, adeguare il Piano territoriale regionale, variare gli strumenti urbanistici e bypassare tutta una serie di vincoli legati a geositi, Sic Natura2000 e all’istituzione della riserva naturale. Non solo, ma la stessa Regione, durante i due anni della fase di istruttoria, ha contenuto i quantitativi che erano stati assegnati dalla Provincia guidata all’epoca dal centrodestra”. In Consiglio regionale il PD ribadirà “non una posizione preconcetta e contro lo sviluppo a tutto tondo, ma affinché questo sia sostenibile e soprattutto non incida su territori e specificità ambientali che sono unici”, conclude Alloni.

Piano Regionale della Mobilità e dei Trasporti, Alloni (PD): “Piano inadeguato ad affrontare i bisogni reali della mobilità in provincia di Cremona”

Il Partito Democratico ha votato NO al Piano regionale mobilità e trasporti, approvato poi dalla maggioranza nel Consiglio regionale della Lombardia. Il consigliere regionale del PD Agostino Alloni ne spiega le motivazioni. “Il Prmt, così come pensato dalla Giunta, è un piano che non fa scelte e si limita a elencare delle questioni senza indicare strategie, priorità e risorse.  E’  una mappatura dell’esistente e non un piano strategico con una visione del futuro di questa regione. La giunta Maroni progetta nuove autostrade per 315 chilometri ma dimentica di puntare con coraggio su interventi infrastrutturali sul trasporto ferroviario. Anche questa volta la cura del ferro viene rimandata a data da destinarsi. Per di più non bastano i nostri emendamenti approvati su raddoppi ferroviari in particolare quello relativo alla Codogno – Mantova e Cremona – Olmeneta per farci cambiare idea su un piano insufficiente e inadeguato ad affrontare i bisogni reali della mobilità. Leggendo il documento si ha la sensazione che si snobbi ancora una volta il Sud Lombardia e si guardi solamente allo sviluppo di determinate parti della Regione”. Alloni definisce, infine, molto deboli gli obiettivi e i progetti che riguardano la navigabilità  del fiume Po nonostante le promesse fatte da Maroni  e dall’assessore  Beccalossi  6 mesi fa a Cremona, davanti all’assemblea  di Confindustria  e successivamente al tavolo convocato ad hoc in Camera di Commercio.

Bonus cultura ai diciottenni al via: attivato il sito www.18app.it

Previsto nella Legge di Stabilità, entra da oggi in vigore il bonus cultura da 500 euro per i diciottenni. Con l’attivazione del portale www.18app.it, i nati nel 1998 che vogliono accedere al bonus dovranno iscriversi al sito e registrarsi entro il 31 gennaio 2017 a SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Una volta registrati, i diciottenni potranno visualizzare dove e per quale offerta culturale spendere i 500 euro a loro disposizione. Dal mese di ottobre poi il bonus sarà ottenibile e spendibile. Al sito si dovranno registrare anche gli esercenti e gli enti culturali interessati che vogliono far parte dell’iniziativa e offrire ai giovani la vendita dei beni previsti dalla norma. Il bonus cultura potrà essere speso per: acquisto di libri; biglietti per il cinema, i concerti, gli eventi culturali, le fiere, il teatro e la danza; visite alle mostre, ai musei, alle aree archeologiche e ai parchi. Sarà disponibile a partire dal giorno del 18° compleanno e fino alla fine del 2017.

Commenta Cinzia Fontana, deputata cremasca del Partito Democratico: “Insieme a misure come l’art bonus, come l’iniziativa “Cinema2Day” (costo del biglietto per il cinema a 2 euro ogni secondo mercoledì del mese) oppure come le “Domeniche al museo” (visite gratuite ogni prima domenica del mese), come il credito d’imposta per il settore cinematografico e audiovisivo o anche come l’assunzione di 500 professionisti della cultura, il bonus cultura di 500 euro ai neodiciottenni è un altro tassello importante che punta su uno dei nostri beni più preziosi: il patrimonio culturale e artistico del nostro Paese. E lo fa spronando i giovani a diventarne appassionati fruitori”.

Terremoto, PD:” Solidarietà alla popolazione colpita. Anche la Festa di Ombrianello partecipa alla raccolta fondi promossa dal PD.”

Il PD nazionale ha invitato tutte le feste de l’Unita’ in corso a sospendere i dibattiti previsti questa sera, mercoledì 24 agosto. Anche la festa di Ombrianello aderisce a questo appello e sospende  il dibattito di questa sera (Crema2020, il futuro della mobilità a Crema e nel cremasco) rimandandolo ad altra data. Il PD cremasco aderisce inoltre alla raccolta fondi promossa dal PD nazionale (in allegato il manifesto affisso in festa da questa sera) ed e’ vicino alle vittime e alla popolazione colpita dal terremoto.

Grazie

Matteo Piloni
Segretario provinciale PD

Manifesto terremoto

Ombrianello 2016: ecco il programma della Festa Centrale de l’Unità del Cremasco

Da martedì 23 agosto a lunedì 5 settembre torna l’appuntamento con la Festa Centrale de l’Unità del Cremasco che si terrà, come di consueto, nella splendida cornice del podere Ombrianello a Crema.

In tutte le serate sono previsti spettacoli ed intrattenimenti vari: dal ballo liscio in balera allo spazio giovani della Birroteca rock, dal tango argentino ai gruppi cover e revival. Senza dimenticare la presenza in festa di ben quattordici ristoranti, con una proposta gastronomica che spazia dalla tradizionale cucina cremasca a menù di carattere nazionale ed internazionale. Grande spazio anche ai dibattiti politici, alle associazioni di volontariato presenti sul territorio e al mondo della cultura locale.

Ecco il programma completo della festa di Ombrianello: OMBRIANELLO 2016 – Programma 2016